BANCA DEL SUD CON BOND- SUD  E POSTE ALLEATE

E’ tutto pronto per la  Banca del Mezzogiorno che potra’  inoltre contare su un alleato d’eccezione: la rete delle Poste Italiane con sportelli su tutto il territorio nazionale. Secondo  il piano  del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, a breve   il credito nel Sud  verrà totalmente rilanciato. Il DDL sara’ snello e si comporra’ di soli cinque articoli, rispetto ai precedenti che erano lunghi e poco capibili.  Ma ciò che stupisce ancor di più, noi Terroni,  è la novità dell’ l’emissione di bond-sud che dovrebbero garantire il necessario sostegno finanziario alle iniziative imprenditoriali destinate al Mezzogiorno. Obbligazioni e strumenti finanziari con scadenza a 18 mesi che potranno essere emessi da qualsiasi istituto di credito o finanziario. Il monitoraggio sugli impieghi attivati sara’ garantito per cinque anni dalla stessa banca del mezzogiorno che potra’ altresi’ acquisire dalle banche aderenti mutui a medio-lungo termine di piccole e medie imprese. Il comitato promotore,  sara’ composto da 15 membri, anche in rappresentanza delle categorie economiche e sociali, costituiti da soggetti bancari e finanziari con sede legale in una delle Regioni del sud. Un posto sara’ riservato a un esponente delle Poste. Lo stato ”assumera’ il ruolo di socio fondatore con l’obiettivo di avviare l’iniziativa e favorire l’aggregazione di una maggioranza rappresentata da soggetti privati. In ogni caso, entro cinque anni, l’intera partecipazione posseduta dallo stato sara’ redistribuita fra i soci privati”. Al capitale della banca parteciperanno istituti di credito operanti nel mezzogiorno, imprenditori o associazioni di imprenditori, societa’ a partecipazione pubblica nonche’ altri soggetti che condividano le finalita’ della banca.

Dicono di noi



Contattami

    Normativa GDPR* -

    Iscriviti alla nostra Newsletter.

    Riceverai curiosità e aggiornamenti dal mondo della finanza.

      Normativa GDPR* -

        

      Privacy Preference Center