Negozi alla spina ecco come ottenere un finanziamento

Un ritorno al passato che incontra le necessità di un futuro migliore. I negozi che commercializzano prodotti sfusi o alla spina, rappresentano un’idea imprenditoriale di successo che pone le sue radici negli anni ’60.

L’industrializzazione ha contribuito a modificare quelle che erano buone abitudini, portando così all’aumento di rifiuti d’imballaggio e all’incremento dei costi dei prodotti.

Il forte successo di questi negozi su circa il 70/80% della popolazione italiana, è dovuto al risparmio di quasi il 50% su ogni acquisto e l’assenza di packaging fastidiosi e inutili.

Prima di poter avviare l’attività, è necessario:

  • aprire una partita IVA;
  • iscriversi al registro delle imprese;
  • inviare la comunicazione per l’inizio di una nuova attività commerciale.

Inoltre, nel caso specifico della vendita di prodotti alimentari, è necessario presentare al Comune di appartenenza dell’attività:

  • DIA con specificazione di vendita nel settore alimentare;
  • possedere i requisiti per la registrazione al REC (registro esercenti commercio);
  • essere in possesso di HACCP;
  • licenza fiscale dall’UTIF, nel caso in cui si vendano anche alcolici.

I prodotti vendibili sfusi in questi negozi sono:

  • Alimentari: pasta, riso, cereali, legumi, biscotti, sale, frutta secca, zucchero, olio, caramelle, caffè
  • Detersivi: di tutte le tipologie
  • Latte: crudo intero
  • Bevande: analcoliche come succhi di frutta e bibite varie, alcoliche come vini e birre
  • Cibo per animali.

E’ necessario informarsi però, sulle normative attive nella regione di appartenenza, in quanto la vendita di alcuni prodotti potrebbe essere soggetta a vincoli e limitazioni, come ad esempio l’olio e lo zucchero.

Per aprire un negozio di prodotti sfusi alla spina basta un locale di circa 40mq. La sua grandezza varierà in base a quanti e quali prodotti si intende vendere.

Le attrezzature principali sono:

  • i dispenser che conterranno i vari prodotti sfusi, soprattutto per i detersivi;
  •  per prodotti alimentari, si può optare anche a grandi sacche, o ceste;
  • bottiglie in vetro, contenitori vari, buste riutilizzabili, preferibilmente in cotone o altro tessuto;
  • bilance per pesare i prodotti sfusi;
  • banchetto frigo per i prodotti freschi;
  • cassa e bancone.

La spesa iniziale per avviare tale attività si aggira intorno ai 30mila euro, ma grazie ai bandi e alle agevolazioni a fondo perduto, come ad esempio Nuove imprese a tasso zero di Invitalia, è possibile ricevere dei finanziamenti che supportino l’avvio e lo sviluppo della piccola impresa.

Per accedere ai vari bandi e agevolazioni, è necessario avere un buon business plan e un progetto che comprenda un’analisi di mercato dettagliata.

Lo Studio Maraglino, è a vostra disposizione per curare al meglio ogni aspetto, dall’idea di business alla realizzazione, offrendo supporto, competenza e professionalità.

Per maggiorni informazioni, compilate il form in basso e sarete ricontattati.