Dal prossimo 20 luglio  2016 sarà possibile costituire Startup Innovative senza notaio

startup-innovativa

E’ stato pubblicato il 1 luglio 2016 il  Decreto direttoriale che approva le specifiche tecniche per la struttura di modello informatico e di statuto delle società a responsabilità limitata  con lo status di  startup innovative, a norma del DM 17 febbraio 2016. Il decreto  in oggetto, approva le specifiche tecniche per la redazione del modello standard di atto costitutivo e statuto delle  startup innovative.

Dal prossimo 20 luglio sarà possibile utilizzare una piattaforma digitale per inviare e caricare i modelli standard di atto costitutivo e statuto per le startup innovative.  Qui è possibile prendere visione della circolare Mise del 1 luglio 2016.

L’ iter procedurale  per la costituzione senza notaio di una  startup innovativa è resa possibile dall’uso della firma digitale.

Gli atti costitutivi e gli statuti sono redatti e sottoscritti con firma digitale attraverso la piattaforma digitale  appositamente predisposta dal Registro Imprese e disponibile a partire dal prossimo 20 luglio  all’indirizzo startup.registroimprese.it.

I soci fondatori della startup  dovranno compilare tutti i dati necessari presenti nel modello standard ai fini della registrazione dell’atto e dovranno  sottoscriverlo digitalmente.

[Tweet theme=”basic-white”] Startup Innovative senza notaio operative dal 20 luglio 2016[/Tweet]

Attraverso la piattaforma digitasle sarà possibile inviare  il documento  tramite PEC ed inoltrandolo  all’Agenzia delle Entrate competente per territorio. Alle Entrate arriveranno:

 

  • il modello sottoscritto;
  • l’atto costitutivo;
  • gli eventuali documenti a corredo e la ricevuta di pagamento.

L’Agenzia  delle Entrate tramite posta elettronica certificata trasmette all’indirizzo dedicato, la liquidazione finale e gli estremi di registrazione.

Se l’esito dell’analisi dell’ AdE è positivo l’ufficio del registro delle imprese iscrive provvisoriamente entro 10 giorni l’azienda accludendo alla pratica la dicitura aggiuntiva «startup costituita a norma dell’articolo 4 comma 10 bis del decreto legge 24 gennaio 2015, n. 3, iscritta provvisoriamente in sezione ordinaria, in corso di iscrizione in sezione speciale».

La dicitura della provvisorietà scomparirà successivamente, quando sarà verificata l’assenza di irregolarità formali.

Qualora invece si rilevino irregolarità allora l’ufficio del registro imprese sospenderà il procedimenti di iscrizione e assegnerà tramite PEC a tutti i sottoscrittori un termine congruo non superiore a 15 giorni, per regolarizzare la pratica. La mancata regolarizzazione comporterà il rifiuto dell’iscrizione.

Resta comunque intesa la possibilità di poter costituire  nella forma di società a responsabilità limitata a norma dell’art. 2463 del codice civile, con atto pubblico.


 

Vuoi una consulenza per la tua startup innovativa ? Affidati a noi e compila il form in basso

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva