SONO 102 EMENDAMENTISULLA SICUREZZA STRADALE

Da 45 articoli, il provvedimento sulla sicurezza stradale passa a 63, con 102 nuovi emendamenti presenti nel DDL introdotto dal Senato. Arriva cosi il  via libera definitivo della Camera dei deputati che introduce le novità, cominciando  dalla patente a ore,  ( consente per motivi di lavoro o sociali, di salire in auto anche se la patente è sospesa ), all’esame da sostenere  per recuperare i punti persi sulla patente, ai nuovi regolamenti sui  bambini da 6 a 12 anni,  che potranno  salire  in moto solo se il  sedile di sicurezza  è omologato, mentre fino a 14 anni in bici si dovrà usare il casco.

Pesantissime invece, saranno le  sanzioni per i meccanici che modificano motorini e macchinette. Per chi invece possiede un reddito basso,  sarà possibile rateizzare le multe a partire da 200 euro.

ALCUNE  DELLE NOVITA’  PIU’ IMPORTANTI CONTENUTE NEI 102 EMENDAMENTI IN MATERIA DI SICUREZZA STRADALE

Accertamento da remoto. Per semafori e accessi a ztl non è necessaria la presenza degli organi di polizia stradale se l’accertamento avviene tramite dispositivi o apparecchi omologati o con funzionamento automatico.

Alcol zero per neopatentati e conducenti professionali. Per chi ha la patente da meno di 3 anni e per i conducenti professionali arriva il divieto di mettersi al volante dopo aver bevuto alcol.

Autotrasportatori, sanzioni al volante. Riviste le sanzioni per i conducenti alla guida di autoveicoli per il trasporto di persone o cose che superano la durata dei periodi di guida prescritti o non osservano le disposizioni sul riposo giornaliero.

Aree di servizio, vietata di notte la vendita di alcolici. Nelle aree di servizio autostradali è vietata la vendita e la somministrazione di bevande superalcoliche dalle 22 alle 6. La violazione delle norme è punita con una sanzione amministrativa da 2.500 a 7mila euro. Nelle stesse aree è vietata la somministrazione di bevande alcoliche dalle 2 alle 7: il mancato rispetto della norma è punito con una sanzione da 3.500 a 10.500 euro. Se nel biennio viene reiterata una di queste violazioni il prefetto dispone la sospensione della licenza relativa alla somministrazione di alcolici e superalcolici per 30 giorni.

Bambini in moto. Consentito portare in moto bambini da 6 a 12 anni (fino a 5 anni la normativa prevede già che non possano salire) alloggiandoli su un apposito sedile di sicurezza omologato, con appoggi per gli arti superiori e inferiori. Le disposizioni si applicano 60 giorni dopo l’approvazione di un decreto ministeriale ad hoc. I motocicli a 2 e 3 ruote con a bordo bambini di statura inferiore a 1,5 metri non può superare i 60 km/h o i limiti minimi se superiori a 60
km/h.

Autovelox anche a noleggio. Agli enti locali è consentito acquisire autovelox anche a noleggio a canone fisso.

Bici parcheggiate anche sui marciapiedi. Consentita la sosta delle biciclette sui marciapiedi e all’interno delle aree pedonali in mancanza di appositi parcheggi. Le bici non devono recare intralcio ai pedoni e ai disabili.

Bus e autocarri, al volante fino a 70 anni.
Innalzata da 65 a 70 anni l’età massima per condurre autobus, autocarri , autotreni , autoarticolati, autosnodati, adibiti al trasporto persone. Da 60 anni in poi il limite di età viene innalzato, di anno in anno, a seguito di visita medica specialistica annuale per attestare i requisiti fisici e psichici del conducente.

Casco elettronico e scatola nera. Le modifiche alla norma approvata alla Camera specificano che il casco elettronico per conducenti e passeggeri di ciclomotori e motoveicoli e la scatola nera sugli autoveicoli vengono introdotti in via sperimentale.

Casco in bici. Casco in bici obbligatorio e conforme alla normativa europea per i bambini fino a 14 anni. Se si circola in bici fuori dei centri abitati dopo il tramonto e fino all’alba o in galleria è necessario indossare giubbotto o bretelle retroriflettenti ad alta visibilità. Le regole entranop in vigore 60 giorni dopo l’entrata in vigore della legge.

Ciclomotori, pesanti sanzioni per chi le modifica.
Sanzioni in salita (ora da 389 a 1.556 euro) per chi modifica i ciclomotori per aumentarne la velocità. Chi circola con un ciclomotori non più rispondente alle caratteristiche o che sviluppi velocità superiore a quella prevista paga da 48 a 594 euro.

Patente, con la revoca niente minicar. Chi ha subito il ritiro della patente non può condurre ciclomotori e microcar e non può conseguire il certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori.

Pedoni, più rispetto dagli automobilisti. In assenza di agenti o semafori i conducenti devono fermarsi quando i pedoni transitano sulle strisce pedonali. Devono dare la precedenza, rallentando e all’occorrenza fermandosi se vedono pedoni che si accingono ad attraversare sulle strisce. Identico obbligo per i conducenti che di inoltrano in un’altra strada al cui ingresso si trova un attraversamento pedonale, quando ai pedoni non sia vietato il passaggio. Resta il divieto per i pedoni di attraversare diagonalmente le intersezioni e il divieto di attraversare piazze e larghi al di fuori delle strisce pedonali.

Pene alternative. Pene alternative al carcere per i conducenti fermati in stato di ebbrezza, che non abbiano provocato incidenti: su richiesta al prefetto la pena detentiva o pecuniaria può essere sostituita, per non più di una volta, con lavori di pubblica utilità, effettuati prioritariamente nel campo della sicurezza e dell’educazione stradale. La durata è pari alla sanzione detentiva irrogata e alla conversione della pena pecuniaria che vale 250 euro per giorno di lavoro.

Proventi multe superamento limiti velocità. I proventi delle multe per eccesso di velocità sono attribuiti al 50% all’ente proprietario della strada sui cui è stato effettuato l’accertamento e all’ente da cui dipende l’organo accertatore. Gli enti devono destinare le quote dei proventi per interventi di manutenzione e messa in sicurezza delle strade e di impianti, arredi, attrezzature e pertinenze, al potenziamento delle attività di controllo delle violazioni. L’ente deve trasmettere entro il 31 maggio di ogni anno una relazione al ministero delle Infrastrutture indicando l’ammontare complessivo dei proventi e gli interventi realizzati. La percentuale dei proventi è ridotta del 10% per l’ente che non trasmette la relazione.

Recupero punti sulla patente.
I punti persi sulla patente si riacquistano sostenendo una prova d’esame.

Revisione della patente. Viene sempre disposta la revisione della patente quando il conducente è coinvolto in un incidente stradale che abbia determinato lesioni gravi alle persone e a suo carico sia stata contestata la violazione di una delle disposizioni del codice da cui consegue la sospensione della patente.

Ricorso ai giudici di pace
. Soppressa la norma che riduceva da 60 a 30 giorni il termine per proporre ricorso ai giudici di pace e introduceva lo specifico termine di 60 giorni se l’interessato risiedeva all’estero.

Rilascio della patente. Per il rilascio della patente, anche professionale, è necessario esibire un certificato da cui risulti il non abuso di sostanze alcoliche, stupefacenti e psicotrope, rilasciato in base ad accertamenti clinico-tossicologici. Identica certificazione è richiesta al rinnovo per i conducenti professionali. Sono compresi nell’obbligo anche i patentini filoviari. La certificazione deve tener conto dei precedenti morbosi.

Rimozione pubblicità.
L’ente proprietario può disporre dei mezzi pubblicitari rimossi se dopo 60 giorni non ne viene chiesta la restituzione da parte dell’autore della violazione, del proprietario o del possessore del terreno. Gli organi di polizia sono autorizzati ad accedere sul fondo privato dove è collocata la pubblicità. La pubblicità a mezzo di altri veicoli sarà limitata alla sola sosta nei luoghi consentiti dal comune nei centri abitati, con verifiche periodiche sui prescritti oneri tributari.

Ripartizione proventi sanzioni amministrative pecuniarie.
Ridisegnata la mappa delle destinazioni dei proventi della sanzioni amministrative pecuniarie.

Segnaletica stradale.
Aumentano le sanzioni per chi non mantiene in perfetta efficienza la segnaletica stradale. Prima si pagavano da 78 a 311 euro, ora da 389 a 1.559.

Semplificazione per duplicati della carta di circolazione.
Un decreto dirigenziale Infrastrutture stabilirà le procedure informatiche di rilascio anche dei duplicati della carta di circolazione per smarrimento, deterioramento o distruzione dell’originale.

Soccorso agli animali, consentita sirena e lampeggiante. L’uso di sirena e lampeggiante è consentito anche ai conducenti di ambulanze e mezzi di soccorso per il recupero degli animali o di vigilanza zoofila, nell’espletamento dei servizi di urgenza di istituto, che saranno individuati da un decreto Infrastrutture, che definirà anche le condizioni per le quali il trasporto di un animale può essere considerato in stato di necessità, anche se effettuato da privati, e la documentazione da esibire dopo l’eventuale controllo da parte delle autorità di polizia stradale.

Trasporti eccezionali.
Modificate le norme in materia di veicoli e trasporti eccezionali: la scorta tecnica potrà essere solo privata. Viene infatti eliminata la precedente previsione che indicava anche la polizia della strada.

Ztl e corsie preferenziali, non è necessaria la contestazione immediata. La contestazione immediata non è necessaria per la rilevazione degli accessi di veicoli non autorizzati nei centri storici, nelle zone a traffico limitato, nelle aree pedonali o per la circolazione su corsie e strade riservate.

Dicono di noi



Contattami

    Normativa GDPR* -

    Iscriviti alla nostra Newsletter.

    Riceverai curiosità e aggiornamenti dal mondo della finanza.

      Normativa GDPR* -

        

      Privacy Preference Center