Come intercettare finanziamenti a fondo perduto per la sicurezza sul lavoro

AL VIA IL NUOVO BANDO ISI – INAIL 2018 PER INTERCETTARE CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO 

 

A partire dal 19 aprile 2018 è attiva la procedura telematica per l’invio delle domande online relative al Bando ISI INAIL.

L’Avviso pubblico Isi 2017 ha messo a disposizione delle imprese oltre 249 milioni di euro per finanziamenti a fondo perduto. I finanziamenti ammissibili fanno riferimento a progetti di miglioramento della sicurezza sul lavoro.

A partire da quest’anno il bando raggruppa anche gli incentivi agricoltura delle PMI della produzione agricola primaria.

La domanda per il finanziamento a fondo perduto potrà essere inviata fino alla data di scadenza che cade alle ore 18.00 del 31 maggio 2018. Si può accedere alla domanda del Bando INAIL dalla sezione “accedi ai servizi online”. Si tratta di una applicazione informatica per la compilazione della domanda e il relativo inoltro all’Istituto.

Obiettivi dellla misura ISI INAIL 

Il Bando ISI INAIL 2018 ha l’obiettivo:

  • di incentivare i progetti di miglioramento della salute e sicurezza dei lavoratori;
  • di dare incentivi anche alle microimprese e le piccole imprese della produzione agricola primaria di prodotti agricoli per acquistare macchinari ed attrezzature di lavoro (il tutto finalizzato al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori):
    • meno inquinanti;
    • che possono ridurre il livello di rumorosità o del rischio infortunistico
    • che possono migliorare il rendimento e la sostenibilità globali dell’azienda agricola. (riduzione costi di produzione, miglioramento e riconversione della produzione).

PLAFOND FINANZIARIO 

I fondi sono suddivisi in cinque assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari e alla tipologia degli interventi che saranno realizzati:

1) progetti di investimento e per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (a cui sono destinati 100 milioni di euro),

2) progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (44.406.358)

3) progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (60 milioni)

4) progetti per micro e piccole imprese operanti nei settori del legno e della ceramica (10 milioni)

5) progetti per le micro e piccole imprese del settore agricolo(35 milioni), alle quali nel 2016 era stato dedicato un bando specifico.

Per i primi quattro assi il contributo per ciascun progetto ammesso al finanziamento è pari al 65% dell’investimento, fino a un massimo di 130mila euro (fino a 50mila per i progetti per micro e piccole imprese).

Quello destinato alle imprese agricole, invece, è pari al 40% dell’investimento per la generalità delle aziende e al 50% per i giovani agricoltori, fino a un massimo di 60mila euro.

Fino alle ore 18 del 31 maggio le aziende interessate possono inserire la propria domanda sul sito Inail. Gli incentivi saranno poi assegnati fino a esaurimento, sulla base dell’ordine cronologico di ricezione delle domande, nel “click day” dedicato all’inoltro online delle richieste di finanziamento, le cui date saranno comunicate dopo il 7 giugno.

 


 

Per ulteriori informazioni e consulenza è possibile compilare il modulo di contatto in basso