Come aprire un centro estetico al Sud con i fondi per imprenditoria rosa

Come aprire un centro estetico intercettando contributi a fondo perduto per lo startup d’impresa in Puglia

 

Negli ultimi anni il mercato del benessere è stato interessato da un notevole sviluppo sia
quantitativo che qualitativo. Si sono affermati nuovi modelli di consumo, con una domanda crescente di servizi.
L’osservazione delle attuali tendenze sociali rivela il crescente bisogno di sentirsi in forma e di ostentare agli altri l’attenzione per la propria forma fisica. E non sono soltanto le donne ad avvertire
questa esigenza, ma sta aumentando anche il numero degli uomini che si prendono cura del proprio corpo, poiché è cambiato il concetto stesso di benessere. Le abitudini delle persone sono cambiate, così come le esigenze lavorative.
Dal punto di vista della formazione professionale importanti novità legislative impongono agli operatori dei settori dei servizi alla persona e delle attività del benessere il possesso d
i nuovi titoli e competenze. D’altra parte la clientela, sempre più informata ed esigente, richiede un continuo aggiornamento sulle nuove tendenze in questo campo.

Aprire un centro estetico, potrebbe risultare una valida opportunità di business di successo. Basta  seguire alcune procedure burocratiche che vi permetteranno di avviare questa attività e magari intercettare misure agevolative per sostenere lo startup d’impresa.

Per accedere ai Finanziamenti agevolati occorrono sostanzialmente 4 requisiti :

 

1)   Avere il titolo di estetista ( 3 anno specialistica ) ;

 

2)   Non essere in possesso di Partita Iva ;

 

3)   Disoccupazione ( da almeno 90 giorni ) ;

 

4) Età ( uomini entro 35 anni – donne di tutte le età – imprenditoria rosa / consigliamo un età non superiore ai 40 anni ).

Per chi vuole avviare l’attività di estetista in Puglia ci sono delle ottime condizioni per l’avvio.

 

Programma Investimento

Per programmi di investimento di importo complessivo fino a € 50.000, l’intensità di aiuto è pari al 100% degli investimenti ammissibili.

Per programmi di investimento di importo complessivo compreso tra € 50.000,01 e 100.000 l’intensità di aiuto è pari al 90% degli investimenti ammissibili.

Per programmi di investimento di importo complessivo compreso tra € 100.000,01 e 150.000 l’intensità di aiuto è pari all’80% degli investimenti ammissibili.

Le agevolazioni in conto impianti sugli investimenti non possono superare l’importo massimo di €120.000 e sono costituite da:

  • un contributo a fondo perduto pari al 50% degli totale degli investimenti agevolati;
  • un prestito rimborsabile pari al 50% degli totale degli investimenti agevolati.

E’ concedibile un contributo in conto esercizio a fondo perduto, non superiore ad € 10.000 in misura pari al 100% delle spese di gestione ammissibili sostenute entro il termine previsto per la richiesta del saldo delle agevolazioni.

 

Contattaci subito per richiedere una consulenza  ed avviare subito il tuo business !