Come intercettare contributi a fondo perduto per aprire un pub o pizzeria

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER ATTIVITA’ DELLA RISTORAZIONE

pub

Esiste la possibilità di poter intercettare  contributi e i finanziamenti a fondo perduto per la microimpresa (detti “fondi per la microimpresa”) per favorire lo start-up di società di persone che  intendono fare investimenti  fino ad un massimo di  129.114  euro. Possono beneficiare di questi contributi solo le  società in accomandita semplice (Sas) e  le società in nome collettivo (Snc)  che operano nel settore della produzione di beni  e/o di servizi, ad esclusione del settore del commercio e quello agricolo. Sono escluse le società con un unico socio.

I requisiti  per fare richiesta delle agevolazioni  sono:

  • i soci che presentano la domanda devono essere maggiorenni
  • i soci al momento della presentazione della domanda devono risultare “non occupati”
  • i soci devono risiedere in Italia da almeno 6 mesi al momento della data di presentazione della domanda
  • la sede legale e operativa della società deve essere in Italia
  • la società deve essere già costituita al momento della presentazione della domanda

Le agevolazioni per la microimpresa coprono sia le spese per gli investimenti sia le spese di gestione. La copertura di queste spese avviene sia sotto forma di  contributi a fondo perduto sia sotto forma di finanziamenti a tasso agevolato.

Quindi se per esempio un imprenditore vuole avviare una  gelateria e si stimano spese per investimenti pari a 70.000 euro e spese di gestione pari a 15.000 euro, l’agevolazione viene concessa in questo modo:

  • 42.500 euro  sotto forma di finanziamento agevolato per coprire una parte delle spese di investimento
  • 15.000 euro sotto forma di contributo a fondo perduto  per coprire tutte le spese di gestione
  • 27.500 euro sotto forma di contributo a fondo perduto  per coprire un’altra parte delle spese di investimento

Per accedere a queste agevolazioni occorre presentare la domanda e allegare il business plan relativo al progetto di impresa che si vuole realizzare. La domanda è “a sportello” ciò vuol dire che il bando è aperto finché ci sono le risorse finanziarie a disposizione.

L’erogazione delle agevolazione avviene in due momenti: un anticipo e un saldo.

Per quanto riguarda gli investimenti, al momento della stipula del contratto di finanziamento, si può chiedere un anticipo pari al 20% del totale delle agevolazioni per gli investimenti. Il saldo viene  erogato in un’unica soluzione, una volta completato l’investimento. Il piano degli  investimenti deve essere realizzato entro 6 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento; entro lo stesso termine dovrà essere presentata la richiesta del saldo per le relative spese, pena la revoca del finanziamento concesso.

Per quanto riguarda le spese di gestione si può chiedere un anticipo pari al 30% delle spese previste; il saldo è erogato, a seguito della presentazione delle fatture quietanzate.

 

Il nostro studio è pronto a fornirvi la consulenza ed a redigere il vostro studio di  fattibilità con lo scopo di intercettare il contributo concesso per la realizzazione della vostra idea d’impresa. Compila il form contatti qui