IL TESORO DI TANZI

100 MILIONI DI EURO TRA TELE DI PICASSO E VAN GOGH

E’ sincero Tanzi, quando devanti al giudice durante la deposizione giura di non avere mai posseduto quadri preziosi o tele d’autore. E di sicuro, all’uomo più meschino d’Italia, che ha mandato al fallimento decine di migliaia di famiglie italiane e non con un patrimonio superiore ai 1000 miliardi di euro, c’è poco da credere.

  E cosi neanche gli inquirenti hanno creduto al DRACULA DI  PARMALAT.  Il tesoro si trovava nelle soffitte e nelle cantine di tre case di amici ignari, due a Parma e una a Pontetaro. Pare sia stato il cognato Stefano Strini, marito di Laura Tanzi, una delle figlie, a piazzarle. Strini è indagato per ricettazione e favoreggiamento assieme a un mercante d’arte, sul nome del quale vige il segreto istruttorio. Nel sequestro di  sabato mattina sono stati rinvenuti  19 quadri e disegni definiti di grandissimo valore artistico, stimati della Fiamme Gialle in un valore superiore ai 100 milioni di euro. Sono gli stessi quadri che nei giorni scorsi, durante un lungo interrogatorio in tribunale, Tanzi aveva negato di possedere. Secondo quanto spiegato dal procuratore capo di Parma, i dipinti erano già sul «mercato»: l’intervento della procura ha impedito che fossero venduti. Per un dipinto di Monet c’era già un’offerta di 10 milioni di euro di un miliardario russo. Quattro giorni di intercettazioni telefoniche continuate (alcune durate trenta ore di seguito) hanno consentito di individuare i terminali di una trattativa che a breve avrebbe portato alla vendita in blocco di tutta la pinacoteca di Tanzi, probabilmente a Forte dei Marmi.

Aveva ragione mia nonna… quando da piccolo mi diceva ” Maurizio, bevi tanto latte.. che ti fa diventare forte e più bravo degli altri…. Forse Tanzi da bambino ne ha bevuto fin troppo …..