MASSAFRA OSPITA IL MERCATINO DELL’USATO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO “SAJA SOLIDARIETA'”

 

chiesa-del-carmine-2

 

Sabato 28 marzo (  dalle ore 17,00 alle ore 20,00) e domenica 29 marzo ( dalle ore  9.00 alle ore 12.00) , Massafra ospiterà un evento a favore della solidarietà. Verrà allestito all’interno del salone parrocchiale della chiesa del Carmine di Massafra; grazie alla disponibilità del parroco don Salvatore Di Trani; il “Mercatino dell’usato .  L’evento è promosso  dalla neonata associazione di volontariato “Saja Solidarietà Onlus” (Solidarietà associativa jonica), costituita lo scorso 20 gennaio 2009 a Taranto (ove la sede in corso Umberto 57/59) ,con l’intenzione di operare in azioni di inclusione sociale, soprattutto nella prevenzione delle diverse forme di disagio giovanile e dei fenomeni di dispersione scolastica. Obiettivo principale dell’associazione, è quello di favorire,  la preparazione e l’avviamento dei giovani al lavoro ,in maniera particolare, nell’ attivare percorsi formativi volti al recupero di mestieri tradizionali. Saranno realizzate, altresì, delle attività per raccogliere dei piccoli fondi utili per l’attuazione di tali progetti, come in questo caso , nella realizzazione del  Mercatino dell’usato”. Per entrare in possesso dei prodotti esposti, basta donare un contributo di soli due euro.

Il “Mercatino dell’Usato” nasce dall’idea del presidente dell’associazione “Saja Solidarietà” Gelsomina Semitaio e del vice presidente Vittorio Consiglio, ambedue massafresi d’adozione da oltre venti anni . Il presidente Semitaio, attraverso  la sua conoscenza approfondita nel mondo del lavoro, maturata negli anni, mira a focalizzare competenze specialistiche artigianali, spendibili in aziende  presenti sul territorio dell’arco jonico e non solo. Le parole del presidente Gelsomina Semitaio:  <<E’ un modo concreto per dare un valida opportunità ai giovani  che cercano un’occupazione , rivalutando antichi e nobili mestieri,che purtroppo vengono sempre più soppiantati da una sfrenata ricerca di tecnologia e da una società troppo meccanizzata.>>  <<La nostra associazione >>,continua,<< opera nei settori della solidarietà sociale, dell’istruzione e formazione, della tutela dei diritti civili, della promozione  culturale e artistica e si avvale di collaboratori esperti nei vari settori. E’ nostra intenzione incentivare la cultura della solidarietà e  contribuire a far conoscere un patrimonio ormai scomparso, non solo con questa iniziativa, ma anche con altri nuovi appuntamenti che si terranno a Massafra e in provincia>>. Sostenere eventi di questo tipo , favorendo i giovani ed aiutandoli a superare le difficoltà che si incontrano in un sistema sociale , e nello stesso tempo salvaguardare la cultura locale, significa sensibilizzare il territorio affinchè si rimuovano le cause che alimentano il processo di esclusione sociale- materiale- relazionale .Le associazioni e in particolare la città di Massafra, si avvicina sempre alle tematiche che riguardano le problematiche giovanili , e ciò che più entusiasma ,è l’avvicinamento della cittadinanza a questa forma di solidarietà . E’ importante tenere sempre presente che per far crescere i giovani , ci vuole un intero villaggio.